Cassazione: la cessione del credito RC Auto è legale

Autore Segreteria / Data: 25-02-2013 /

La vittima può trasferire il credito di un incidente per le riparazioni: lo ha fissato la Cassazione

La sentenza della Cassazione (terza sezione civile) numero 3965 del 25 gennaio 2012, pubblicata il 13 marzo, è un po' tecnica ma interessante. Secondo piazza Cavour, il credito per il danno subìto dall'auto in seguito all'incidente può essere ceduto a un terzo dalla vittima del sinistro. Restano invece escluse le lesioni fisiche. In più, il cessionario può essere proprio il carrozziere incaricato di riparare il veicolo: si farà carico di citare in giudizio il responsabile dell'incidente e la relativa Assicurazione per ottenere la declaratoria di responsabilità.

ZERO VINCOLI - Quindi, stando alla Cassazione, non esiste alcun vincolo giuridico alla cessione del credito: l'interpretazione restrittiva dell'articolo 18 della legge 990 del 1969, presente pure nel recente Codice delle assicurazioni, vale per i crediti di natura personale (lesioni fisiche). Il carrozziere non chiederà il pagamento al cliente, ma andrà sino in fondo rivolgendosi alla Compagnia.

BUONA LA TERZA - È stato un autoriparatore a giungere in Cassazione dopo aver perso sia in primo grado (Giudice di pace di Massa) sia in appello (Tribunale di Massa), per una questione risalente al 2005. Ma davanti agli ermellini s'è preso la sua bella rivincita. Al carrozziere va riconosciuta la legittimazione a convenire in giudizio il responsabile del sinistro e la relativa Compagnia, dopo che il danneggiato gli ha trasferito il credito RC Auto. E non è possibile negare al danneggiato la facoltà di cessione. Se danneggiante e assicuratore sostengono che l'interpretazione della norma sia restrittiva, sono in errore. Al contrario, il carrozziere (ossia il cessionario) ha diritto ad agire in giudizio secondo l'articolo 100 del Codice di procedura civile, in cui si legge che per proporre una domanda o per contraddire alla stessa è necessario avervi interesse.

PALLA AL TRIBUNALE - Da quando la cessione è sottoscritta, il carrozziere è legato da un nesso di causalità con il sinistro: ha il dovere di effettuare le riparazioni al veicolo danneggiato e il diritto di ricevere il ristoro delle spese dal danneggiante e dall'Assicurazione di quest'ultimo. Ora, il Tribunale dovrà esprimersi tenendo presente la sentenza della Cassazione, che peraltro conferma il precedente orientamento.

OTTIMA SOLUZIONE - Davide Galli, carrozziere e titolare del blog il Carrozziere (nonché presidente della Federcarrozzieri), commenta così questa sentenza: "In un momento di crisi e di difficoltà per le famiglie, la cessione del credito si dimostra uno strumento prezioso. L'automobilista non anticipa i soldi al carrozziere, che vanta il credito nei confronti della Compagnia". Ma occhio ai carrozzieri poco onesti, spesso vi fanno firmare delle carte senza spiegarvi per bene cosa siano, quindi prima di firmare qualsiasi cosa leggete sempre tutto con attenzione.

Storia

Lo S.N.A.P.I.S. è un sindacato costituito nel 1978, nasce dal bisogno degli operatori per il riconoscimento giuridico della professione di Perito Assicurativo e di un giusto onorario per le loro prestazioni.

DETTAGLI

Link

Lo S.N.A.P.I.S segnala ai propri iscritti e visitatori del sito i seguenti link utili inerenti la professione del Perito Assicurativo per essere informati sulle normative e modifiche leggislative in vigore .

DETTAGLI

Corsi

Corso di preparazione alla prova d’idoneità per  l’iscrizione nel Ruolo dei periti assicurativi istituito con decreto legislativo il 7 settembre 2005 n. 209 con successive modifiche con l’art. 157. Approfondisci date e luoghi .

DETTAGLI